L’evento dell’anno in Italia, è di certo l’Expo Milano 2015.

Gli sforzi prodotti dagli organizzatori, gli investimenti fatti, il concept che si è scelto come tema centrale della manifestazione sta producendo l’interesse che si era pronosticato e che si evidenza con la massiccia affluenza di visitatori e di operatori interessati che, ogni giorno varcano i cancelli dell’area espositiva. Ma, a parte il fatto di sapere sin dall’inizio che è impossibile visitare la cittadella edificata a Rho in un unico giorno, quali sono i padiglioni più frequentati e perché?

E’ bene mettere in conto di fare delle lunghe file per accedere in alcuni padiglioni che sono tra i più stimolanti ma questo piccolo sacrificio sarà ripagato da una gratificante visita che soddisferà le aspettative.
Tra i cinque spazi più animati, troviamo anche delle sorprese che ci fanno comprendere quanto varia sia l’utenza che visita questa importante kermesse internazionale.

IL PADIGLIONE ZERO

Padiglione-Zero-Expo-Milano-2015

Il Padiglione Zero è uno tra i primi come numero di affluenza ad essere visitato e non solo perché è quello che si incontra appena entrati all’Expo. L’interesse nasce anche dalla curiosità che, in questa area, viene soddisfatta perché narra della storia del cibo dell’essere umano a partire dagli albori della preistoria fino a giungere ai giorni nostri. Un vero viaggio che varca spazio e tempo e che racconta l’evoluzione della storia alimentare dell’umanità.

IL PADIGLIONE ITALIA

padiglione italia

Il Padiglione Italia potrebbe essere la logica conseguenza di appartenere a questo Paese e di dedicargli le maggiori attenzioni. Oltre a questo fattore c’è anche la ricchezza di alimenti che l’Italia può offrire come qualità d’eccellenza e la cura della gastronomia nazionale che si attesta ai primissimi posti al mondo. Sorprendente è lo spazio interno gestito dall’Unione Italiana Ciechi e che si manifesta in cento metri da percorrere totalmente al buio essendo stuzzicati dai profumi e dai sapori che si avvertono in modo amplificato, una volta impossibilitati ad utilizzare il senso della vista.

IL PADIGLIONE GERMANIA

PADIGLIONE GERMANIA (Copia)

Il Padiglione della Germania è uno tra i più estesi della Expo, con oltre cinquemila metri quadrati dove sono raccolte interessanti attrazioni tra cui, una delle preferite è quella di effettuare un volo virtuale sulla Germania approfittando di filmati che vengono proiettati su 3000 schermi che arricchiscono l’area espositiva e che descrivono il paesaggio teutonico osservato dall’alto da due api in volo.

IL PADIGLIONE KAZAKISTAN

KAZAKISTAN

Il Padiglione del Kazakistan è una sorpresa inattesa in quanto uno degli spazi più innovativi presenti in tutta la Expo. Attira favorevolmente i visitatori tramite la cassa di risonanza provocata dagli entusiastici commenti di tutti coloro che hanno avuto modo di assistere a proiezioni effettuate in una sala cinema 3D corredata da poltrone interattive che vengono sollecitate dal filmato che si sta vedendo.

IL PADIGLIONE BRASILE

BRASILE (Copia)

Il Padiglione del Brasile implica l’attesa di circa un’ora di fila. Il motivo è da ricercare nella rete multimediale sulla quale si deve passare e da liane e altre reti che vengono sollecitate dal movimento che si compie per passarci sopra e che offrono suoni, rumori e visioni che offrono una panoramica nuova su campi, orti e coltivazioni visti da un’altra prospettiva.