Le distese di terra rossa e di alberi d’ulivo caratterizzano le coste del Mediterraneo, una presenza imponente dalla forte identità territoriale. Che si arrivi in aereo, in treno o in auto l’arrivo nel sud Italia è caratterizzato da numerosi campi di uliveti e muretti a secco.

Questo patrimonio è a rischio da circa due anni, da quando il “Xylella Fastidiosa” ed agenti funginei si sono diffusi nel bacino mediterraneo. Un allarme rosso non solo per gli agricoltori ma per ognuno di noi, in quanto l’intero ecosistema potrebbe scomparire per sempre.  Per approfondire il tema www.slentoclub.it