Napoli è, nel bene e nel male, una delle città italiane più nominate al mondo, per le sue bellezze naturali, ma anche per i tanti problemi che da troppi secoli l’affliggono.
Poiché, però, è considerata anche una delle città turistiche più economiche, perché non programmare un week end in città alla scoperta di una bellezza mozzafiato che nessuno si aspetta?

Il tour storico di Napoli

La città – che nel corso dei secoli è stata dominata dai greci poi dai francesi e dagli spagnoli – reca in sè i segni evidenti di tutti questi passaggi.
Il centro storico, patrimonio dell’Unesco, deve necessariamente essere la prima parte di un tour che ripercorre l’intera città.

Qui, imperdibile una visita al Duomo con il tesoro di San Gennaro e una passeggiata sulla recentissima via aperta sui tetti che parte dalla chiesa e si dipana lungo un percorso alla scoperta della Napoli vista dall’alto.
Molto bella e suggestiva anche la Chiesa di Santa Chiara con il caratteristico chiostro maiolicato; la Cappella di San Severo con la statua del Cristo velato sulla quale, ancora oggi, gli esperti dibattono vista la sua perfezione stilistica; la Chiesa del Gesù che reca ancora segni misteriosi attribuiti ai Templari.

Al centro è possibile visitare anche il Maschio Angioino, costruito sul mare, con il suo caratteristico borgo marinaro, ma anche il Castel dell’Ovo dove una guida esperta sicuramente racconterà la famosa leggenda dell’uovo sepolto dal quale dipendono le sorti dell’intera città.
Ritornando su per via Duomo, poi, immancabile una visita a quella che viene comunemente definita Spaccanapoli, una stradina stretta e lunga che divide esattamente in due la città: qui è possibile non solo ammirare la statua del Corpo di Napoli, di origine egizia, ma anche arrivare fino a San Gregorio Armeno, la famosa via dei pastori dove esperti artigiani si dedicano a questa antica arte tutto l’anno.

Come dimenticare, poi, il Cimitero delle Fontanelle, il bosco e la reggia di Capodimonte, la collina del Vomero dalla quale si gode un notevole panorama su tutta la città?

Il tour gastronomico di Napoli

Napoli è famosa anche per la sua cucina. Chi arriva in città non può non provare almeno la pizza – tante le pizzerie storiche famose come “Da Michele”, “Il Presidente” oppure “Brandi”, dove la leggenda narra sia nata la pizza margherita – e naturalmente la famosa “sfogliatella“, un dolce di pastafrolla ripieno di crema e canditi che solo chi lo ha assaggiato può comprenderne la bontà.

Con più tempo a disposizione, si “deve” assaggiare anche la cucina tipica in una delle tante trattorie: parmigiana di melanzane, gateaux di patate e rigatoni al ragù sono solo alcuni dei piatti imperdibili.

Napoli non dorme mai e non è un modo di dire. La vita notturna è brulicante di eventi culturali e di intrattenimento, ma anche di cibo: non è difficile trovare ristoranti aperti anche alle 4 del mattino per un piatto di spaghetti con la trippa o una pizza fumante.